Viaggi Studio

Il battito della nuova Russia

Il corso di russo sarà svolto dagli insegnanti della prestigiosa Università Linguistica Statale di Mosca (MGLU).
Il Corso sarà impartito direttamente dai migliori insegnanti specialisti dell’insegnamento della lingua Russa per stranieri.
I ragazzi verranno dotati di materiale didattico direttamente e appositamente prodotto per loro dalla stessa Università.
Alla fine del Corso sarà loro rilasciato un Attestato ufficiale da parte della Università inclusivo di una valutazione delle competenze linguistiche acquisite.


Stile di viaggio: Studio
Tipo di viaggio: Gruppo
Tema del viaggio: Lingua russa

Trasferimenti

I trasferimenti verranno effettuati con comodissimi voli diretti dai principali Aeroporti italiani.

Sono disponibili voli di avvicinamento da tutti gli aeroporti italiani.

Il tempo di volo è di circa 3 ore e 45 minuti.

Tempo libero ed escursioni

Il programma di attività ricreative è ricchissimo e ha al suo centro la socializzazione e l’approfondimento della conoscenza della cultura, della storia e della lingua russe.

Il programma delle attività include ben 34 tra visite, escursioni, e passeggiate guidate, sempre assistiti dalle guide e dagli accompagnatori di lingua russa e italiana, tutti altamente professionalizzati.

Tra queste attività anche la cena nel celeberrimo Hard Rock Café di Mosca.

In più, ogni sera, passeggiata del dopocena nel Centro della Città per continuare le attività di conoscenza della lingua e della cultura russe.

Escursioni incluse

Il tour panoramico condotto dalle nostre guide specializzate e certificate è il modo migliore per iniziare a conoscere questa meravigliosa metropoli, attraverso i suoi principali punti d’interesse e le più importanti strade urbane. L’escursione sarà svolta in parte in bus e in parte a piedi.

Escursione condotta dalle nostre guide specializzate e certificate.

È la piazza principale di Mosca, adiacente al muro orientale del Cremlino. Le sue dimensioni sono: 700 metri di lunghezza, 130 di larghezza, e una superficie di 74.831 metri quadrati che la rende una delle piazze più estese del mondo.

Il nome non deriva né dal fatto che gli edifici e le costruzioni attorno ad essa sono per lo più di colore rosso, né dal collegamento fra il colore rosso e l’ideologia comunista. Il nome deriva infatti dall’aggettivo russo krasnaja che significa sia “rossa” e sia, in passato, “bella”: l’aggettivo fu originariamente applicato (col significato di “bella”) solo alla Cattedrale di San Basilio, e successivamente esteso alla piazza in cui essa sorgeva.

Sulla Piazza vi sono alcuni monumenti storici noti in tutto il mondo, come, ad esempio, la Cattedrale di San Basilio e il Monumento agli Eroi Nazionali che nel 1612 sconfissero e cacciarono gli invasori polacchi. Vicino al Monumento vi è una piattaforma elevata che fu usata in alcuni casi per esecuzioni, ma soprattutto per le cerimonie religiose solenni davanti alla cattedrale e per annunciare vari decreti. Interessante anche il Museo di Storia Russa che si trova dall’altra parte della piazza. Tra i monumenti sovietici più interessanti ci sono il Mausoleo di Lenin e i magazzini statali GUM.

Lenin morì nel 1924 e il Mausoleo, costruito appositamente per conservarne il corpo imbalsamato, venne edificato in granito marrone, a forma di piramide con le scale. Durante le parate militari venne usato come tribuna da dove i governanti sovietici salutavano i soldati che sfilavano. Nel 1953 morì Stalin e fu seppellito all’interno del mausoleo; in seguito, durante la destalinizzazione degli anni sessanta, la sua salma fu tolta e collocata dietro il mausoleo, accanto alle mura del Cremlino. Tutti i leader del Partito Comunista dell’Unione Sovietica (escluso Nikita Khruščёv) sono seppelliti in questo luogo, mentre dentro le mura sono sepolte anche molte delle personalità più famose dell’Unione Sovietica, come l’astronauta Jurij Gagarin, il Maresciallo conquistatore di Berlino, Georgij Konstantinovič Žukov, e Nadežda Krupskaja, moglie di Lenin.

Ancora oggi si tengono parate sulla piazza Rossa e dal 2008 sfilano di nuovo i mezzi militari.

La visita sarà condotto dalle speciali guide di lingua italiana appositamente autorizzate direttamente dall’Amministrazione del Cremlino.

Patrimonio dell’umanità UNESCO dal 1990, è una cittadella fortificata posta nel centro geografico e storico della città di Mosca. È la parte più antica della città ed è sede delle istituzioni governative nazionali della Russia, nonché uno dei più importanti complessi artistici e storici della nazione.

I primi insediamenti umani nel territorio che ospita il Cremlino risalgono all’età del bronzo (secondo millennio a.C.). Le più antiche menzioni del Cremlino risalgono al 1147. Le prime fortificazioni vengono erette nel 1156 e dal 1264 diviene la residenza dei principi di Mosca. Nel 1367 verranno sostituite da mura e torri di pietra bianca.

Fra i secoli XIII e XIV furono costruite le prime chiese in pietra e durante la seconda metà del XV secolo l’intero Cremlino viene ricostruito. Il suo centro divenne la “Piazza delle Cattedrali”, delimitata dalla Cattedrale della Dormizione, dalla Basilica Blagoveščenskij, dal Palazzo Granovitij, dalla Cattedrale dell’Arcangelo Michele, con la cripta dei principi e degli zar russi, e dal campanile Ivan Velikij.

Negli anni 1485-95, sotto Ivan III, furono ricostruite le strutture fortificate e comparvero nuove mura e torri, più alte e più spesse delle precedenti, di mattoni rossi. Negli anni 1508-16, sul luogo oggi occupato dalla Piazza Rossa fu scavato un fosso, riempito con l’acqua del torrente Neglinnaja. Il Cremlino divenne una fortezza pressoché inespugnabile, circondata dall’acqua su tutti i lati. Nel XVII secolo le torri del Cremlino vengono completate ed assumono quello che è il loro aspetto odierno.

Nel 1812 Mosca e il Cremlino sono assediati dall’esercito di Napoleone Bonaparte. Ritirandosi, Napoleone diede l’ordine di minare e far saltare tutte le costruzioni del Cremlino. Le cariche in maggioranza non esplosero, tuttavia le perdite furono comunque notevoli. La ricostruzione dei danni occupò vent’anni di lavori. Il Gran Palazzo del Cremlino fu, invece, realizzato negli anni 1839-49.

Con l’avvento dell’Unione Sovietica il Cremlino diventa uno dei simboli del nuovo corso, tra il 1935 ed il 37, le aquile bicipiti poste sulla sommità delle principali torri del Cremlino vengono sostituite da stelle a 5 punte di rubino. Negli anni 1959-61 viene costruito il Palazzo dei Congressi del Cremlino. Dal 1955 il Cremlino è stato aperto ai visitatori, diventando un museo a cielo aperto.

Visita condotta dalle nostre guide specializzate e certificate.

La Galleria Tretyakov ospita la più grande collezione di belle arti russe al mondo.

La storia della pinacoteca ha inizio nel 1856 quando il mercante moscovita Pavel Michajlovič Tret’jakov iniziò ad acquistare opere d’arte da artisti russi dell’epoca. Nel 1892 Tret’jakov donò la sua ormai celebre collezione alla Nazione.

La Galleria fu costruita fra il 1902 e il 1904 a sud del Cremlino. Durante il XX secolo si è estesa inglobando diversi edifici circostanti, tra cui la chiesa del XVII secolo di San Nicola in Tolmachi. La facciata dell’edificio fu disegnata dal pittore Viktor Michajlovič Vasnecov in uno stile fiabesco tipicamente russo. Nel 1977 entrò a far parte del patrimonio del museo la gran parte della collezione di George Costakis[senza fonte].

Nel 1917 nella collezione della Galleria vi erano 4000 opere d’arte, nel 1975 circa 55.000, acquisite dallo stato. Attualmente la collezione comprende: pittura russa, grafica, scultura, oggetti di arte applicata; le opere vanno dall’XI al XXI secolo.

L’escursione è realizzata con l’assistenza del nostro personale qualificato italiano di lingua russa e russo di lingua italiana.

La minicrociera sul fiume Moscova regala la prospettiva più affascinante e suggestiva della Città di Mosca. Paesaggi mozzafiato visti dal Fiume, così come li vedevano I grandi navigatori che entravano a Mosca: i grandi palazzi monumentali, il Cremlino, le cattedrali ortodosse, la sontuosa Chiesa del Cristo Salvatore, I grandi Parchi Gorky e Luzhnik.

In completo relax a bordo di moderni battelli per vivere un’esperienza istruttiva e indimenticabile con i tempi lenti e antichi del navigare. I Battelli sono attrezzati di tutti i comfort e offrono la copertura in caso di cattivo tempo.

La durata della navigazione è di 2 ore circa.

Visita condotta dalle nostre guide specializzate e certificate.

L’Arbat è la via dello shopping di Mosca. Nel XVIII secolo era considerata dai nobili russi la zona residenziale più prestigiosa della città, mentre nel periodo pre-sovietico era abitata da borghesi e artisti.

Oggi è una via interamente pedonale con numerosi negozi di souvenir e ristoranti, ma a farla da padroni sono sempre la cultura e l’arte. Fra le attrazioni più importanti possiamo infatti trovare la casa, oggi un museo, dove il celebre poeta Aleksandr Pushkin abitò con sua moglie Natalia Goncharova, e numerose statue: quella dorata della principessa Turandot posta di fronte allo storico Teatro Vachtangov, quella del poeta e cantautore folk sovietico Bulat Okudzava, e infine proprio quella di Pushkin e di sua moglie.

Inoltre, nei vicoli che si intersecano con la via, è possibile trovarsi di fronte a vere e proprie opere d’arte, come la Casa Melnikov in stile strutturalista, o il coloratissimo muro dedicato alla memoria di Viktor Tsoi, leader della band rock Kino, definito “il Kurt Cobain sovietico”.

La cena è realizzata con l’assistenza del nostro personale qualificato italiano di lingua russa e russo di lingua italiana.

Sull’Arbat è situato l’unico Hard Rock Cafè di Mosca, che è anche tra i più prestigiosi e frequentati al mondo.

Qui gli studenti effettueranno una cena con il famoso hamburger tipico di questo locale e potranno trascorrere del tempo per ammirare i numerosi cimeli appartenuti a rockstar di tutto il mondo, ed entrare nel famoso store delle iconiche magliette e dei gadget di brand.

Visita condotta dalle nostre guide specializzate e certificate.

Formata da 12 linee servite da 195 stazioni, la Metropolitana a Mosca non è solo il mezzo di trasporto più usato dai russi, ma rappresenta una vera e propria attrazione per i turisti grazie alla bellezza di molte sue Stazioni.

Fra le più famose c’è sicuramente la Komsomol’skaja, con il suo grandioso soffitto giallo decorato in stile barocco con mosaici e motivi floreali, sostenuto da 68 colonne ottagonali in marmo bianco con capitelli dorici; la stazione celebra la battaglia della Russia per l’indipendenza dagli invasori e alcune battaglie storiche, come quelle condotte dal generale Aleksandr Nevsky, raffigurato in uno dei grandi mosaici.

Ad una fermata dalla Komsomol’skaja si trova la Prospekt Mira, dedicata

all’agricoltura russa e interamente decorata in marmo bianco con bassorilievi dorati.

La Novoslobodskaja, invece, è in pieno stile Art Nouveau con le sue 32 vetrate decorate e il grande mosaico che rappresenta la pace nel mondo proprio al centro dell’ingresso principale.

Fra le stazioni che ricordano il periodo sovietico, le più caratteristiche sono la Majakovskaja, dedicata al grande poeta e che servì da rifugio anti-aereo durante la Seconda Guerra Mondiale, e la Ploshad Revoluzij con le sue 72 statue in bronzo che raffigurano il popolo dell’Unione Sovietica.

Ecco l’elenco delle Stazioni che saranno visitate:

  • Stazione Prospekt Mira
  • Stazione Bieloruskaya
  • Stazione Kievskaya
  • Stazione Komsomolskaya
  • Stazione Arbatskaya
  • Stazione Ploshad Revoluzja
  • Stazione Pushskinskaya
  • Stazione Okhotniy Ryad

L’escursione è realizzata con l’assistenza del nostro personale qualificato italiano di lingua russa e russo di lingua italiana.

Situato a pochi minuti a piedi dalla Residenza che ospita gli studenti, il Museo è dedicato all’esplorazione spaziale. È alla base del Monumento ai conquistatori dello spazio.

Esso contiene un’ampia varietà di opere e riproduzioni legate allo spazio che raccontano la storia del volo e dell’esplorazione spaziale, dell’astronomia e della tecnologia spaziale. La collezione del museo è composta da circa 85.000 oggetti.

Il museo venne inaugurato il 10 aprile 1981 per commemorare il 20º anniversario del giorno in cui Yuri Gagarin divenne il primo uomo a orbitare nello spazio intorno alla Terra. In origine il museo era incentrato quasi esclusivamente sul programma spaziale sovietico.

Nel 2009 il museo venne riaperto dopo 3 anni di opere di ricostruzione che ne avevano triplicato l’ampiezza originale e aggiunto sezioni dedicate a programmi spaziali di altre parti del mondo, come quelli statunitense, europeo, cinese e l’ISS.

Visita condotta dalle nostre guide specializzate e certificate.

Il luogo di culto più importante del mondo Cristiano-Ortodosso ha vissuto da sempre una storia travagliata tra grandi progetti, distruzioni e ricostruzioni. Nel secolo scorso, in particolare, fu chiusa da Stalin che voleva realizzarvi un gigantesco monumento alla propria gloria poi mai portato a termine a causa dell’inizio della Seconda Guerra Mondiale. Al suo posto venne, invece, realizzata una enorme piscina riscaldata all’aperto che ancora oggi tantissimi moscoviti ricordano.

Negli anni ’90 con la caduta dell’Unione Sovietica, venne iniziata la ricostruzione dell’antica Cattedrale che fu realizzata nel giro di qualche anno e che assomiglia “come una goccia d’acqua” a quella distrutta da Stalin e che è oggi l’orgoglio della Città.

Visita condotta dalle nostre guide specializzate e certificate.

Letteralmente, Monastero delle Nuove Vergini, nel 2004 venne inserito tra i patrimoni dell’umanità dell’UNESCO. Venne fondato nel 1524 dal Gran Principe Basilio III. Il Monastero era noto per dar rifugio a molte donne delle famiglie imperiali russe e della famiglia dei Boiardi, che venivano spesso obbligate a prendere i voti. Nel 1812 l’armata di Napoleone tentò di abbattere il Monastero, ma le monache riuscirono a salvarlo dalla distruzione.

Il Monastero è stato citato spesso da Tolstoj nei suoi romanzi: infatti il Parco delle Vergini (nome con cui ci si riferisce al prato antistante il Monastero) era una delle più famose piste di pattinaggio della Mosca ottocentesca.

Davanti il Monastero si trova lo splendido e romantico laghetto che la tradizione vuole ispiratore della celeberrima “Lago dei Cigni” di Tchaikovsky.

La struttura più antica del monastero è la cattedrale a cinque cupole e sei pilastri dedicata a Nostra Signora di Smolensk del 1525 sotto il regno di Ivan il Terribile.

La cattedrale è il punto focale del monastero nonostante la presenza di molti altri edifici sacri, molti dei quali edificati verso il 1680, quando il monastero venne rinnovato grazie alla volontà della reggente Sof’ja Alekseevna Romanova (che, ironia della sorte, vi venne in seguito incarcerata).

Un campanile sottile, anch’esso commissionato da Sof’ja, si sviluppa su sei piani per un totale di 72 metri, il che lo rende la struttura più alta della Mosca settecentesca (l’unico più alto è il Campanile di Ivan il Grande). Questa leggera struttura ottagonale contribuisce ad unificare il complesso in maniera armoniosa.

Come altri importanti monasteri moscoviti il monastero di Novodevičij venne trasformato dalla nobiltà russa in luogo di sepoltura. Tra I più illustri personaggi sepolti in questo cimitero troviamo: l’eroe napoleonico Denis Davydov, Anton Čechov, Nikolaj Gogol’, Michail Bulgakov, Pëtr Kropotkin, Nikita Chruščёv, Sergej Prokof’ev, Dmitrij Šostakovič, Konstantin Stanislavskij e David Ojstrach.

L’escursione è realizzata con l’assistenza del nostro personale qualificato italiano di lingua russa e russo di lingua italiana.

Kolomenskoe è un antico villaggio situato nella zona sud-est di Mosca sulla strada per Kolomna. È celebre per le sue chiese ortodosse.

Nei pressi di Kolomenskoe si trova il luogo dove, secondo la tradizione, San Giorgio, patrono di Mosca, uccise il drago; nel luogo sorge un omonimo monastero.

Menzionato per la prima volta nel testamento di Ivan Kalita nel 1339, divenne celebre quando, nel 1532, vi fu costruita la chiesa dell’Ascensione per celebrare la nascita di Ivan IV, futuro zar di Russia. L’edificio presenta un’architettura innovativa, che rompe con la tradizione bizantina dell’epoca. La chiesa è stata dichiarata dall’Unesco patrimonio dell’umanità nel 1994.

Visita condotta dalle nostre guide specializzate e certificate.

Il ponte pedonale sul fiume Moscova venne costruito tra il 21 giugno 2003 ed il 3 settembre 2004 e si trova nell’area retrostante alla Cattedrale del Cristo Salvatore.

Visita condotta dalle nostre guide specializzate e certificate.

Altrimenti detta “Vorob’ёvy Gory”, è uno dei sette colli di Mosca. Dal 1924 al 1991 conosciuta con il nome di “Collina Lenin”, rappresenta uno dei punti più alti della capitale russa raggiungendo i 220 metri. È sita sulla riva destra del fiume Moscova. Da lì si gode la migliore vista della città. Appare anche nell’opera “Il maestro e Margherita” di Michail Bulgakov.

Nelle sue immediate vicinanze sorge il maestoso edificio principale dell’Università di Mosca, una delle “Sette Sorelle di Stalin” simbolo dell’architettura sovietica.

Visita condotta dalle nostre guide specializzate e certificate.

I Giardini di Alessandro si sviluppano per tutta la lunghezza delle mura del Cremlino, di fronte al Maneggio di Mosca. Sono annoverati tra i primi parchi pubblici di Mosca.

L’organizzazione dei giardini fu effettuata tra il 1819 ed il 1823, e furono dedicati al sovrano allora regnante, Alessandro I. Il parco comprende tre distinti giardini, che si sviluppano lungo le mura occidentali del Cremlino per 865 metri.

La cancellata in ghisa fu eretta per commemorare le vittorie dell’esercito imperiale russo su Napoleone.

Visita condotta dalle nostre guide specializzate e certificate.

Nel 1967 fu costruita la Tomba del Milite Ignoto dove arde una fiamma perpetua portata dal Campo di Marte dell’allora Leningrado, oggi San Pietroburgo.

La postazione numero uno, laddove le sentinelle montano la guardia, era collocata di fronte al mausoleo di Lenin, ma fu spostata durante gli anni Novanta del XX secolo in prossimità della tomba del Milite ignoto.

È oggi un grande momento di orgoglio e di raccoglimento per tutti i russi, e una tappa obbligata per tutti i visitatori.

Visita condotta dalle nostre guide specializzate e certificate.

La Piazza del Maneggio è sita nel centro di Mosca. Rappresenta un punto di vitale importanza del centro storico della capitale russa, poiché collega il Cremlino e la Piazza Rossa con la principale arteria della città, ossia la via Tverskaja. È servita da ben tre stazioni della Metropolitana di Mosca.

Affonda le sue origini nella Piazza Moseevskaja, la quale fu costruita nel 1798. Anche quando, nel 1819, il fiume sottostante fu interrato, alla zona rimase il fastidioso appellativo di “pancia di Mosca”, a causa della presenza di taverne e trattorie. Nel 1883 ebbe luogo la cerimonia di benedizione della cappella di Aleksandr Nevskij, costruita in onore della vittoria nella guerra russo-turca e demolita dai sovietici nel 1922.

Il cambio di nome avvenne nel 1931, quando le autorità comuniste decisero di modificare lo stile e l’ampiezza della piazza Moseevskaja in modo tale da farne un luogo adatto alle dimostrazioni di massa ed alle cerimonie di partito. Fu così che l’ottocentesco Hotel Nacional’ e diversi palazzi neoclassici vennero smantellati e la piazza subì l’allargamento fino a confinare con il Maneggio di Mosca, costruito nel 1817. A partire dagli anni trenta quindi la piazza acquisì l’attuale denominazione.

Durante gli anni novanta, nel cuore dell’area fu costruito un grande centro commerciale con quattro piani ed un parcheggio interrati. Tale struttura fu arricchita da una cupola in vetro policromo sormontata da una statua raffigurante San Giorgio, patrono della città. Tale cupola contiene un originale orologio con un complesso meccanismo che indica l’ora di varie città attraverso un complicato sistema di luci che si accendono alla base della cupola.

Altri importanti interventi hanno riguardato la costruzione di fontane e statue. Uno degli artisti maggiormente impegnati nel rinnovamento della piazza è stato Zurab Tsereteli. Inoltre, nel 1995 lo scultore Vjačeslav Klykov realizzò una statua equestre in onore di Georgij Žukov.

Visita condotta dalle nostre guide specializzate e certificate. Il biglietto di ingresso non è incluso in questa visita.

La Cattedrale dell’Intercessione della Madre di Gesù sul Fossato, popolarmente nota come Cattedrale di San Basilio, fu eretta sulla Piazza Rossa tra il 1555 e il 1561 per volontà di Ivan IV di Russia per commemorare la presa di Kazan’ e Astrachan’, essa rappresenta il centro geometrico della città e il fulcro della sua crescita già dal XIV secolo. È stato il più alto edificio della città di Mosca fino al completamento della Grande Torre Campanaria di Ivan il Grande, avvenuto nel 1600.

L’edificio originale, noto come la Chiesa della Trinità e successivamente come Cattedrale della Trinità, constava di otto chiese laterali distribuite intorno alla nona, centrale, Chiesa dell’Intercessione; la decima chiesa venne eretta nel 1588 sopra la tomba del venerato Santo Basilio il Benedetto. Durante il XVI e il XVII secolo la cattedrale, percepita come il simbolo in terra della Città celeste, era popolarmente conosciuta come Gerusalemme e rappresentava un’allegoria del Tempio di Gerusalemme durante l’annuale parata della Domenica delle Palme capeggiata dal Patriarca di Mosca e dallo zar.

Il disegno dell’edificio, la cui forma ricorda «le fiamme di un falò che sale verso il cielo», lascia attoniti per l’imprevedibilità, la complessità e l’abbagliante fioritura dei dettagli riprodotti nel suo disegno.

La Cattedrale è inclusa dal 1990 come Patrimonio dell’umanità nella lista UNESCO.

Visita condotta dalle nostre guide specializzate e certificate.

Il GUM, letteralmente Magazzini Generali Principali, è l’imponente palazzo nel centro di Mosca che occupa tutto il lato della Piazza Rossa di fronte al Cremlino. Con i suoi 80.000 m2 di superficie suddivisi in tre gallerie coperte per tre piani di altezza è una delle principali costruzioni della fine del XIX secolo in Russia.

A seguito di un decreto dello Zar e a spese della gilda dei commercianti di Mosca, la costruzione durò tre anni ed il grande magazzino venne inaugurato nel 1893. Il GUM subì un’importante ristrutturazione nel 1953 voluta dal governo sovietico per dare lustro ed importanza a questo edificio commerciale situato nel cuore della capitale.

Dopo il 1990 con il crollo dell’Unione Sovietica ed il passaggio all’economia di mercato della Russia il GUM è diventato una impresa privata e gli spazi interni sono gestiti da retailer indipendenti. L’imponente e storico palazzo è così oggi un centro commerciale dove sono presenti molte marche del lusso e della moda, molte delle quali italiane. La sua posizione nel centro della città lo rende una delle principali mete turistiche nella capitale russa.

Visita condotta dalle nostre guide specializzate e certificate.

Anticamera della Piazza Rossa e del Cremlino è una piazza suggestiva che apre alla magnificenza e allo splendore che si troverà dopo.

Visita condotta dalle nostre guide specializzate e certificate. Il biglietto di ingresso al Teatro non è incluso in questa visita.

Il Teatro Bolshoi, ovvero Il Grande Teatro, è il teatro storico di Mosca, in cui vengono allestiti balletti, opere e spettacoli teatrali: tra i più celebri e blasonati templi del balletto classico mondiale, il teatro è associato ad una compagnia di danza, il Balletto Bol’šoj.

Esso sorge nello stesso luogo dove sorgeva il teatro Petrovskij che era stato inaugurato nel 1780 e che fu incendiato nel 1805. I lavori del nuovo progetto cominciarono nel 1820 ed il nuovo Gran Teatro Petrovskij fu inaugurato il 18 gennaio 1825.

L’edificio storico del teatro è stato chiuso per restauri dal 2005 con l’obiettivo di riportare la struttura agli antichi splendori pre-comunisti. Durante l’epoca di Stalin infatti erano stati eliminati i lampadari, gli stucchi e tutto quanto potesse evocare il lusso del periodo zarista. Inoltre il teatro fu trasformato anche in sede di riunioni e congressi di partito con strutture che ne avevano compromesso l’acustica. La cerimonia di inaugurazione è avvenuta il 28 ottobre 2011.

Visita condotta dalle nostre guide specializzate e certificate.

Il parco naturale-paesaggistico Zarjad’e è un parco cittadino, inaugurato il 9 settembre 2017. È situato sulla riva sinistra del fiume Moscova a poca distanza dalla Piazza Rossa, nell’area dello storico quartiere Zarjad’e da cui prende il nome, e si tratta del primo parco pubblico realizzato a Mosca dopo la fine degli anni ’50.

Alla fine degli anni ’40 diversi vecchi edifici del quartiere furono demoliti per fare posto a un grattacielo che però non fu mai completato e nel 1967 sulle sue fondazioni venne costruito l’Hotel Rossija che, al tempo della sua costruzione, era il più grande hotel al mondo. Nel 2006 l’hotel fu demolito.

Il parco si estende su una superficie di circa 13 ettari ed è stato progettato per essere allo stesso tempo un parco, un luogo di ritrovo e uno spazio per eventi culturali e ricreativi. Esso è diviso in quattro zone che vogliono rappresentare le quattro principali tipologie di paesaggio che è possibile trovare in Russia: la tundra, la steppa, la foresta e la zona umida. Complessivamente sono stati piantati 760 alberi, in particolare betulle, larici e pini silvestri e quasi 900.000 piante perenni.

Oltre agli ambienti naturali nel parco trovano posto un anfiteatro, una sala da concerti, ristoranti, una grotta di ghiaccio dedicata alla natura dell’estremo nord e alle esplorazioni artiche e antartiche dove la temperatura è tenuta costantemente sottozero, un media center ed alcuni padiglioni per eventi.

Una delle strutture più notevoli del parco è il ponte sospeso, definito “ponte galleggiante”, che si affaccia sul fiume Moscova con uno sbalzo di quasi 70 metri offrendo una vista panoramica verso il Cremlino, la Cattedrale del Cristo Salvatore e l’edificio residenziale in Kotel’ničeskaja naberežnaja. Il ponte sospeso ha la forma di una V ed è stato realizzato con una struttura in cemento armato in grado di reggere tra le 3000 e le 4000 persone.

L’escursione è realizzata con l’assistenza del nostro personale qualificato italiano di lingua russa e russo di lingua italiana.

Il Moscow International Business Center, conosciuto anche come Moskva-City, è un quartiere d’affari situato nella città di Mosca all’interno del quartiere Presnenskij a circa 4,5 km in linea d’aria dalla Piazza Rossa.

Il progetto, comprendente 15 grattacieli per una vera e propria nuova città direzionale, è stato elaborato a partire dal 1992 da Norman Foster ma i lavori iniziarono solamente nel 1997 e sono ancora in corso. Il costo totale del progetto è stimato in 12 miliardi di dollari.

Già oggi, però, esso è diventato parte integrante del panorama, soprattutto notturno, di Mosca ed è diventato anche un’attrazione turistica.

Visita condotta dalle nostre guide specializzate e certificate.

È uno storico quartiere di mercanti a Mosca, circondato da mura medievali, in gran parte ricostruite. È separato dal Cremlino dalla Piazza Rossa. L’etimologia del nome non è chiara. Mentre gorod è il termine russo per “città”, Kitaj potrebbe corrispondere al Catai, ovvero alla Cina, ma anche derivare da un’antica parola riferita allo steccato ligneo utilizzato nella costruzione delle mura.

Le mura furono erette nel 1536-1539 da un architetto italiano conosciuto con lo pseudonimo di Petrok Malyj, che originariamente realizzò 13 torri e 5 porte.

Nel quartiere si trova la seicentesca Chiesa della Trinità di Nikitniki.

Visita condotta dalle nostre guide specializzate e certificate.

È la via pedonale nel Kitay-Gorod di Mosca. Collega Piazza Rossa e Piazza Lubjanka. Era conosciuta come la Strada del 25 ottobre fino al 1990.

È fiancheggiata da edifici storici, come la Cattedrale di Kazan, la Vecchia Zecca, il Monastero del Santissimo Salvatore, il Monastero greco di San Nicola e l’ex Santo Sinodo, i Grandi Magazzini GUM e la Chiesa della Dormizione.

Prima della ricostruzione di Stalin del centro di Mosca, la strada portava alle porte di Vladimir del muro di Kitay-Gorod che dominava la Piazza Lubjanka. Un’altra chiesa barocca di Naryshkin, e la Cappella di San Pantaleone furono rasi al suolo nel 1934.

Adesso, insieme al vicino Tretyakovsky Proyezd, sono il centro del tradizionale quartiere dello shopping di lusso di Mosca. È stata pedonalizzata nell’agosto 2013.

La via è diventata internazionalmente famosa durante i Mondiali di Calcio del 2018 perché era il principale luogo di ritrovo delle tifoserie nel dopo partita ed era il punto dal quale partivano le dirette televisive delle emittenti di tutto il mondo.

Visita condotta dalle nostre guide specializzate e certificate.

La via principale di Mosca continua a essere il Cuore della Metropoli e la via più frequentata dai veri moscoviti. In epoca zarista era la strada che il corteo imperiale svolgeva per arrivare dalla Città di Tver (situata a metà tra Mosca e San Pietroburgo) e il Cremlino.

L’escursione è realizzata con l’assistenza del nostro personale qualificato italiano di lingua russa e russo di lingua italiana.

Kamergersky Pereulok è un piacevole viale pedonale in ciottoli pieno di ristoranti, che nei mesi estivi aprono un patio per strada. Inizia da Ulitsa Tverskaya.

All’inizio della strada c’è una statua di Anton Cechov che è stata inaugurata nel 1980, lo stesso anno della riqualificazione della strada e che la vide pedonalizzata.

Qui si trova anche l’Anton Cechov Art Theatre, fondato nel 1898 da Konstantin Stanislavsky e Vladimir Nemirovich-Danchenko, che sono anche ricordati con una statua che è stata inaugurata qui nel 2014.

L’escursione è realizzata con l’assistenza del nostro personale qualificato italiano di lingua russa e russo di lingua italiana.

È un Viale nel centro di Mosca, che va da Via Bolshaya Dmitrovka a Via Lubyanka. Il nome si riferisce al ponte settecentesco sul fiume Neglinnaya, che ora scorre in un tunnel sotterraneo. Dalla metà del XVIII secolo, Kuznetsky Most è la strada della moda e dello shopping costoso.

Fino alla fine del 15 ° secolo, era il quartiere dell’arsenale. La popolazione crebbe lentamente fino all’incendio del 1737 che rase al suolo l’area. Subito dopo l’incendio, il territorio fu costruito con edifici e negozi di alta classe. Nel 1754-57, fu costruito un ponte di pietra di 120 metri di lunghezza e 12 metri di larghezza e i negozi erano letteralmente sul bordo di questo ponte.

Nel 1819, la città demolì il ponte e presto divenne la strada delle librerie, della moda e dello shopping di lusso, per lo più gestito dai francesi. Dal 1861 divenne il centro finanziario di Mosca e il punto di riferimento dell’Art Nouveau.

Negli anni ’20 l’amministrazione bolscevica demolì la chiesa e creò la Piazza Vorovsky. I blocchi vicini furono gradualmente convertiti in uffici del KGB. Dagli anni ’80, la strada ha riacquistato il suo status di viale commerciale di classe superiore, in particolare con la ricostruzione dello storico negozio TsUM. Tra le istituzioni culturali situate sulla strada ci sono il Teatro dell’Operetta di Mosca, la Sala Most di Kuznetsky e due importanti biblioteche di stato.

Visita condotta dalle nostre guide specializzate e certificate.

Situata nella parte centrale della lunghissima e centralissima Uliza Tverskaya, è da sempre considerato il salotto bello della Città e anche quello più romantico per essere il luogo preferito degli incontri degli innamorati sotto la statua del grande poeta Alessandro Pushkin che, appunto, da il nome alla Piazza.

Il Monumento è stato inaugurato in Piazza Strastnaya, all’inizio di Tverskoy Boulevard, il 6 giugno del 1880. I fondi per costruire un monumento al grande poeta russo erano stati raccolti tra la gente comune. L’evento era diventato una vera e propria festa della cultura russa e degli intellettuali russi. Il monumento è stato immediatamente riconosciuto come un capolavoro eccezionale e anche come una delle principali attrazioni di Mosca, un tesoro nazionale per tutta la Russia.

Nelle vicinanze anche il Grande Market alimentare Elisevsky, vero capolavoro Liberty imperdibile.

Nella Piazza, inoltre, sorge il primo e storico McDonald’s aperto già in era sovietica.

L’escursione è realizzata con l’assistenza del nostro personale qualificato italiano di lingua russa e russo di lingua italiana.

È situata sulla Uliza Tverskaya ed è frequentatissima dai moscoviti.

Tra la fine degli anni Cinquanta e i primi anni Sessanta, un gruppo di ragazzi sfidò e tenne in scacco l’apparato del regime sovietico, organizzando una serie di incontri e di letture pubbliche di testi poetici non autorizzati; il centro simbolico e reale di questi incontri era piazza Majakovskij, con la statua del grande poeta, che era stato cantore della rivoluzione ed era poi morto suicida nel 1930.

Il fenomeno non durò a lungo: iniziato nell’estate del 1958, con l’inaugurazione del monumento a Majakovskij, dopo varie interruzioni e riprese, venne definitivamente liquidato nell’autunno del 1961, con l’arresto e la condanna dei principali attivisti. Ma rispetto al conformismo e al silenzio imposti dal monopolio dell’ideologia quegli incontri avevano segnato una svolta decisiva.

L’escursione è realizzata con l’assistenza del nostro personale qualificato italiano di lingua russa e russo di lingua italiana.

È situato sulla Collina Poklonnaja, uno dei punti più alti di Mosca. In passato, la collina rappresentava il punto occidentale d’ingresso e uscita dalla Città. Fu qui che nel 1812 Napoleone Bonaparte attese invano la consegna delle chiavi della Città.

L’area di Poklonnaja Gora fu individuata come possibile sede monumentale già nel 1942, ma il conflitto in corso impedì la realizzazione di qualsiasi piano. Il 23 febbraio 1958 sulla collina fu impiantata una targa in granito recante la scritta: « Qui sarà costruito il monumento in onore della vittoria del popolo sovietico nella Grande Guerra patriottica del 1941-1945 »; oltre a ciò, l’area fu scelta come luogo di commemorazione della vittoria contro Napoleone nel 1812. A tale scopo, nel 1968 fu inaugurato il nuovo Arco di Trionfo. Nel 1973 fu invece realizzato un monumento a Michail Kutuzov.

Nel 1984 furono avviati i lavori di costruzione del grande complesso monumentale. L’inaugurazione ufficiale si svolse il 9 maggio 1995, in occasione della Giornata della Vittoria. Nel 2005, nel corso delle celebrazioni del 60º anniversario della vittoria sovietica, il presidente russo Vladimir Putin inaugurò 15 sontuose colonne simbolizzanti i fronti e le flotte dell’Armata Rossa durante la Grande Guerra patriottica. Nel corso degli anni, il Parco della Vittoria è diventato un importante luogo di ritrovo per gli abitanti di Mosca.

Il complesso architettonico della Collina Poklonnaja consiste di una serie di strutture molto diverse fra loro. Tra di esse spiccano: Il Monumento alla Vittoria, enorme obelisco alto 141.8 metri ricoperto di rilievi bronzei ed arricchito da una scultura della dea Nike; ai suoi piedi sorge la statua di San Giorgio e il drago; il Museo centrale della Grande Guerra patriottica; la Chiesa di San Giorgio, costruita nel 1994; la Moschea memoriale inaugurata nel 1997; la Sinagoga memoriale inaugurata nel 1998 e costruita per commemorare gli ebrei vittime della Shoah.

Lungo il parco è presente un museo a cielo aperto di attrezzature militari della seconda guerra mondiale, nonché le famose Fontane di Acqua Rossa che simboleggiano il sangue dei circa 20 milioni di russi morte nella Seconda Guerra Mondiale.

L’escursione è realizzata con l’assistenza del nostro personale qualificato italiano di lingua russa e russo di lingua italiana.

Il Gorkij Park è un enorme Parco Divertimenti situato nel centro della città di Mosca e intitolato alla persona di Maksim Gorkij. È raggiungibile in pochi minuti a piedi dal College Universitario.

Fu inaugurato nel 1928 dalla fusione di altri ampi giardini preesistenti e copre un’area di 1,2 km² (300 acri) circa lungo il fiume Moscova.

Nel Gorkij Park si tengono, pressoché giornalmente, fiere e gare di vario genere, con lo scopo di divertire e meravigliare il pubblico; è fornito inoltre di un’area da gioco, di un’enorme ruota panoramica e dell’OK-TVA, uno dei modelli (unità di prova) del Programma Spaziale Buran, che permette a tutti di entrare a far parte della “Esperienza Cosmica”.

In estate vengono giornalmente organizzati concerti e attrazioni.

L’escursione è realizzata con l’assistenza del nostro personale qualificato italiano di lingua russa e russo di lingua italiana.

Situato a pochi minuti a piedi dal Residence, il Parco ospita la Mostra permanente sulle Realizzazioni Scientifiche dell’Urss. Si tratta della più grande esposizione, museo e complesso ricreativo del mondo, e di uno degli spazi pubblici più popolari della capitale della Russia. Ogni anno viene visitato da circa 25 milioni di persone. La superficie totale è di oltre 317 ettari.

Il suo territorio è sede di molti capolavori di architettura, grandi e piccoli

parchi, tra cui fontane uniche, con 49 oggetti dell’Esposizione riconosciuti come

monumenti del patrimonio culturale. Inoltre, è ogni anno sede di oltre 100 fiere e congressi aziendali internazionali, così come di decine di festival.

Tra le principali attrazioni permanenti del Parco, si segnalano: la Biblioteca delle Arti manuali, la Mostra della cinematografia russa, il Volo virtuale, le Pareti da scalata, gli Allestimenti di realtà virtuale, i Laboratori artigianali, la City Farm, i Campi da gioco, e il Moskvarium: centro di oceanografia e fauna marina con oltre 80 acquari e circa 10.000 tipologie di pesci.

La visita è realizzata dalle Docenti della stessa Università.

Situata nel pieno Centro di Mosca, è un Palazzo antico ricco di Storia e di fascino. Le Docenti della Università ci guideranno in un percorso storico e didattico che affascina i ragazzi e che nel contempo è un excursus sulla storia russa da Napoleone a oggi.

La visita culmina con la Consegna Ufficiale da parte del Rettorato dei Certificati ai ragazzi.

Le passeggiate saranno realizzate con l’assistenza del nostro personale qualificato italiano di lingua russa e russo di lingua italiana.

Una canzone popolarissima in Russia dice “Mosca non dorme mai”. E in effetti Mosca è una Città “aperta” 24 ore su 24. Sono decine di migliaia, infatti, i ristoranti, bar, negozi, supermercati e club che non chiudono mai.

Quindi, è piacevolissimo passeggiare e scoprire l’altro volto di questa Città e la vita notturna dei cittadini moscoviti. Inoltre, dagli anni ’90 Mosca si è dotata di una illuminazione artistica notturna che la rende ancora più magica e affascinante.

I nostri ragazzi trascorreranno, quindi, tutti i dopocena immersi nell’atmosfera irripetibile che solo questa Città antica, ma giovanissima, sa offrire!

Partenze

  • Prima partenza: dal 30 Giugno al 14 Luglio
  • Seconda partenza: dal 14 al 28 Luglio
  • Terza partenza: dal 28 Luglio all’11 Agosto

Durata del soggiorno: due settimane

Punti di forza

  • Ragazzi sempre interconnessi gratuitamente tra di loro, con i nostri assistenti e con le famiglie a casa, e per socializzare in tempo reale coi propri amici la propria esperienza in Russia, grazie alla SIM CARD RUSSA PREPAGATA E GRATUITA, CON CREDITO INTERNET E TELEFONICO RUSSO ILLIMITATI, che sarà donata a tutti loro
  • L’intero corso delle lezioni di 30 ore sarà effettuato dagli docenti specializzati nell’insegnamento della Lingua Russa per stranieri della prestigiosa Università Linguistica Statale di Mosca (MGLU)
  • Ai ragazzi verrà consegnato materiale didattico che potranno utilizzare a casa e che è stato appositamente creato per loro
  • La Università russa rilascerà ai partecipanti un attestato ufficiale con valutazione che potrà, eventualmente, essere utilizzato dai ragazzi per una eventuale richiesta di riconoscimento crediti al proprio Istituto di provenienza
  • Le guide russe sono tutte certificate dagli enti competenti della Federazione Russa
  • Attività didattiche e residenziali solo nel Centro della Città
  • Ben 34 visite ed escursioni per scoprire in maniera definitiva la Capitale Russa con un’esperienza live unica
  • Ben 12 passeggiate dopocena nel centro della Città sempre accompagnati dal nostro qualificato personale italiano di lingua russa e russo di lingua italiana
  • Cena all’Hard Rock Café
  • Staff altamente qualificato 24/24 ore già alla partenza dall’Italia e fino al rientro in Italia
  • Voli diretti dall’Italia
  • Metro Card prepagata
  • Rapporto accompagnatori – studenti: 1/15
  • Assistenza sanitaria 24/24 ore e 14/14 giorni